Corigliano Rossano Cs : La disperazione dei cittadini è il ballo diretto dai dirigenti di Cosenza

Corigliano Rossano Cs :  La disperazione dei cittadini è il ballo diretto dai dirigenti di Cosenza, ogni mattina se ne inventano una nuova per far impazzire i pazienti che vanno avanti e indietro per le vie di Corigliano Rossano.

Bene andiamo al nocciolo della questione senza tanti preamboli, quasi sembra un balletto ogni mese e cosi, con una puntualità precisa si trasferiscono i reparti, da Compagna al Giannettasio entrambi gli ospedali sono situati nel vasto territori di Corigliano Rossano in provincia di Cosenza si scambiano i reparti.

Oggi chirurgia la portano al Giannettasio, poi all’ospedale Compagna, ci mettono medicina e ci lasciamo pediatria, la domanda che ci facciamo è: A che gioco state giocando? Voi dirigenti lo state facendo l’interesse pubblico?

Intanto la rabbia fomenta nei pazienti increduli a quanto stanno vedendo è vivendo sulla nostra pelle.

Il cittadino di Corigliano Rossano, bisognoso di cure immediate è costretto ad spostarsi, sempre se si possiede una macchina propria, altrimenti è ancora più difficile curarsi e spostarsi perchè mancano i servizi di trasporto pubblico che collega i presidi ospedalieri.

Come dice Il dott. Amerigo Minnicelli Lasciamo i bugiardi impenitenti alle loro miserie, rimbocchiamoci le maniche e lavoriamo per il Bene di tutti per ottenere il nuovo Ospedale, per riavere l’Azienda Sanitaria, il Tribunale e tutto quello che spetta al nostro Territorio-Area Vasta che è di fatto una Provincia con un capoluogo Corigliano-Rossano che è diventata, grazie al voto del 22 ottobre 2017, la terza Città di Calabria dopo Reggio e Catanzaro e non sono chiacchiere.

Il gioco è chiaro: la sanità qui non la fanno funzionare, specie dopo la soppressione dell’Azienda; gli utenti diminuiscono; le statistiche andranno a favore di altri presidi che si rafforzano a nostro danno.
Con la Nuova Città se ci “armiamo bene” questi argomenti non possono funzionare più ma dobbiamo rivendicare il nostro e non litigare sul Territorio.

Concludo  siamo la terza citta più grande della Calabria, abbiamo il sacro santo diritto e la facoltà intellettiva di avere una sanità migliore, che cura i cittadini e non li lascia spostare fuori città o in alcuni casi fuori regione.

Ancora più rabbia è il vedere che l’ospedale di contrada Insiti di Corigliano Rossano, non viene costruito è  fermo è in stallo, mortificando i cittadini.

Articolo D.Chiarelli

[fblike]

Facebook Comments

Condividi con tutti