Una tassa sulla plastica per trovare nuove risorse da destinare al bilancio europeo: è una delle idee che la Commissione Ue presenterà la prossima settimana,

secondo quanto ha annunciato dal commissario al bilancio Gunter Oettinger.

«Dal 1° gennaio la Cina ha chiuso il mercato, non prende più plastica da riciclare», mentre nella Ue ne «utilizziamo e produciamo troppa», ha detto il commissario, convinto che vada ridotta.

Per questo la prossima settimana la Commissione presenterà un pacchetto di misure, tra cui potrebbe rientrare «una tassa sulla plastica, per disincentivare» l'utilizzo.

Invece di bandirla ed incentivare altri materiali biodegradabili, ci tasserà, per chi produce non è un problema, il problema viene scaricato sul consumatore finale che si troverà pagare di più i prodotti di plastica, tutto questo per recuperare di 12 miliardi di euro, a causa dell'uscita dall'euro della Gran Bretagna. 

Art. Domenico Chiarelli