Rossano il nuovo depuratore: Un Bando vinto fermo da 5 anni.

Premetto: di aver ricevuto un’ email anonima che chiede uno spazio nel blog di Fidow.it dove Egli sostiene che:

Il depuratore consortile di Corigliano Rossano che da anni  e sversano fogna nel mare o parzialmente depurata, accompagnando le nostre passeggiate estive da nauseabondi odori.

L’impianto  consortile di Corigliano Rossano sono stati costruiti nel 1950- 1960 è sono stati progettati per una popolazione chiaramente inferiore rispetto alla situazione attuale che ormai li rendono obsoleti quindi  vecchi e non adatti per depurare le acque del territorio e con l’arrivo dei turisti  il depuratore va totalmente in tilt.

La cosa assurda è che 5 anni fà la regione Calabria ha indetto un bando di gara per non incorrere nell’infrazione Europea e scongiurare altre sanzioni europee per questo grave problema, l’amministrazione Antoniotti partecipa a questo bando interccettano dei fondi e questo bando viene vinto dalla IMPEC S.P.A società di Pozzuoli, che dovrà costruire come previsto da bando il nuovo depuratore consortile di Corigliano Rossano secondo la struttura del project financing.

Affronte di un costo complessivo per realizzare l’opera e di 30 milioni di euro 16 milioni di euro li mette la regione e 14 milioni di euro li mette la società Impec S.P.A con sede a Pozzuoli che ha vinto il bando di gara e si ripagherà con la gestione.

Il project finance è una tecnica di finanziamento delle opere pubbliche relativamente nuova nel nostro Paese, ma assai diffusa all’estero. Funziona così:

L’amministrazione pubblica che ha conferito l’incarico dell’esecuzione dell’opera, in contropartita dell’impegno economico assunto dai promotori, si impegna infatti a concedere loro in concessione la gestione dell’impianto per un certo numero di anni.

In tal modo essi hanno la possibilità di recuperare il capitale investito e guadagnare un margine di profitto.

Al termine, la gestione torna nelle mani dell’ente pubblico.
Questo tipo di project financing prende nome di Boot (Build, Own, Operate, Transfer).

Invece di fare la  polemica sui costi energetici che ci sono, non ci sono dubbi, ma si possono prevedere e proporre diverse migliorie tipo (pannello fotovoltaico, produzione di compost per agricoltura, biogas, ecc) sono tutti ricavi che possono compensare alla grande le spese energetiche.

La domanda che ci dovremmo chiederci tutti è: ma quanto ci costa la cattiva pubblicità fatta in questi anni per il mancato turismo, per il cattivo odore nauseante mentre si passeggia a Rossano? Vedere un turista che fotografa il mare sporco per inviare le foto  alle agenzie che lo ha mandato a Rossano e magari chiede il rimborso? Questo non ha un costo?

Considerando che fino ad oggi abbiamo versato ettolitri di fogna in mare aumentanto la flora del mare, ciò comporta l’assorbimento di ossigeno dall’acqua e quindi si toglie ossigeno ai pesci e per tanto continuando cosi il mare diventerà grigio, sporco, ed inquinato ed in fine porterà malattie gravi per l’uomo, il pesce non ci sarà, il turismo non tornerà più. Quanti soldi abbiamo perso? Quanti ne perderemo ancora se si continua con questa mentalita.

Ringrazio il Blog Fidow.it per avermi dato spazio nel dire la realtà e non le fesserie, oggi la gente deve sapere tutto.

Se c’è qualcuno ritiene che ci siano delle inesattezze può contattarci per eventuale rettifiche o chiarimenti.

Facebook Comments

Condividi con tutti