Al mare non si và, la fogna non si vede! Ne parleremo in Estate!

Corigliano Rossano: Oggi vi riporto una notizia uscita il 31 maggio 2018 Secondo quando riportato sul Corriere della calabria:

Bruxelles La corte di giustizia Ue ha imposto all’Italia una multa di 25 milioni di Euro, più 30 milioni ogni semestre di ritardo nella messa a norma di oltre 100 centri urbani o aree sprovvisti di reti Fognarie o sistemi di tratttamento delle acque reflue.

La Calabria fà la sua parte e vediamo quali sono i comuni fuori leggi:

Acri, Bagnara Calabra, Bianco, Castrovillari, Crotone, Lamezia Terme, Mesoraca, Montebello Ionico, Motta San Giovanni, Reggio Calabria, Rende, Corigliano Rossano, Santa Maria del cedro, Scalea, Sellia Marina, Siderno, Soverato, Strongoli.

Ancora nessuna notizia ci è pervenuta per la messa in norma del sistema di depurazione di Corigliano Rossano, in quanto fino all’estate scorsa sversano fogna nel mare o parzialmente depurata nel nostro splendido mare, accompagnando le nostre passeggiate estive da nauseabondi odori.

Sarà perchè siamo abituati a parlarne d’estate quando andiamo tutti al mare e scattiamo bellisime foto di chiazze di fogna galleggianti, ma purtroppo oggi nessuno ne parla,  neanche la stampa locale non ha interessi d’inchiesta, spesso inseguono altri casi di cronaca commerciale, poco costruttive.

Dopo tutto,  tutti ne hanno parlato quest’estate con ripudio, ma oggi nessuno ne parla o meglio dire tuttì taciono.

E gli imprenditori del turismo? I cittadini i bimbi che giocano nell’acqua ? Nessuno ci pensa ?

Fino ad oggi sappiamo solo che: un bando viene vinto dalla IMPEC S.P.A società di Pozzuoli, che dovrà costruire come previsto da bando il nuovo depuratore consortile di Corigliano Rossano secondo la struttura del project financing. questo è avvenuto 6 anni fà.

Quindi noi cittadini di Corigliano Rossano siamo preoccupati per il silenzio istituzionale, e anche per la prossima stagione estiva 2019, si continuerà a sversare fogna nel nostro splendido mare?? O ci saranno nuove soluzioni? aspettiamo di rilevare nuove informazioni.

Art.D.Chiarell

Facebook Comments

Condividi con tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *